3_Ben-Essere Lab

Nancy Perin > Blog Nancy Perin > 3_Ben-Essere Lab > Viaggio a Roma: Rufus Sewell, le coincidenze, e Rafa Nadal

Viaggio a Roma: Rufus Sewell, le coincidenze, e Rafa Nadal

Mag 3, 2010 Nancy 2 3_Ben-Essere Lab ,

Sabato 1° maggio, mi alzo e la giornata è incerta. Il sole non promette di uscire. Non ho programmi per il we. Non faccio programmi di solito, perchè così è più facile che mi accadano le cose inconsuete che mi succedono… alle 11.30 la telefonata di una mia carissima amica: “Vieni a Roma con me? Partiamo con il treno delle 14.55! Ho i biglietti per il Foro Italico, domani finali BNL, Nadal contro Ferrer.” Le ho risposto di sì, perché, data la mia profonda ignoranza, il nome Nadal mi suonava come un anticipo delle festività! Giusto il tempo di preparare la borsa, prendere la macchina fotografica, l’Ipod.

All’ora stabilita saliamo in treno. Ci rendiamo subito conto che vicino a noi c’è un attore, ma non riusciamo a ricordare il suo nome. Un bell’uomo, easy nell’abbigliamento: stivali, jeans, maglia sportiva; alto, occhi verdi, moro. Di tanto in tanto spariva, poi tornava, guardava il pc, poi l’ultima ora del viaggio ha riposato, come la mia amica. Avevo la possibilità di osservarlo, era di fronte a me, sul lato sinistro del treno, e anche se mi sembrava di averlo visto ancora, non riuscivo proprio a ricordare dove. Siamo arrivati a Roma e scese dal treno lo abbiamo perso. Siamo andate in hotel, ancora ci chiedevamo chi fosse, non avevamo parlato con lui durante il viaggio. Usciamo per cena. Mangiamo in una trattoria e dopo andiamo a piedi verso Piazza di Spagna. Mi piace sempre molto girare il centro di Roma a piedi, la trovo bellissima!

Prima tappa la Fontana di Trevi, con lancio della monetina! Mi sentivo felice anche se non era la prima volta! Poi da lì verso Trinità dei Monti, la cui scalinata era abbellita con dei vasi di fiori lilla e brulicava di canti e risate. Siamo rimaste sedute a chiacchierare e ad osservare tutto questo. Verso le 23.30 decidiamo di rincamminarci per l’hotel, stavolta prendendo Via Condotti. Imboccata la strada, dopo 50 metri, chi c’era davanti ad una vetrina? LUI!!! Dico alla mia amica che c’è di nuovo l’uomo che era sul treno! Decidiamo di avvicinarci. “Hi, are you an actor?”

Lui si gira e in modo cordiale e divertito risponde: “Yes, I’m an actor!” “What’s your name?” “I’m Rufus Sewell, nice to meet you!”. Abbiamo chiacchierato un po’, davanti a quella vetrina, era sul treno come noi perchè aveva appena finito di girare alcune scene con Angelina Jolie e Johnny Depp a Venezia, per il film “The Tourist” e girava per Roma aspettando di prendere l’aereo per Los Angeles. Ci siamo fatte una foto con lui e poi lo abbiamo salutato. Ero elettrizzata per quello che era successo, speravo di rivederlo e avevamo avuto una seconda chance!

Io credo nella magia delle coincidenze, come se il destino in qualche modo ti spingesse verso qualcosa o qualcuno; verso le risposte che aspettavi…E tu?

(Grazie Rufus per la tua gentilezza e disponibilità! So che mi leggerai…)

Diventa anche tu “e-motion“, una forma di contagio positivo:

  • condividi questo post su FacebookTwitter, Linkedin con  un click qui sotto!
  • lascia un commento alla fine del post!

Nancy

Sono Nancy Perin una coach specializzata in tematiche aziendali, quali gestione delle relazioni, comunicazione, conflitti. Esperta di tecniche di rilassamento e body work. Aiuto le Imprese di Famiglia e le Persone a creare armonia nelle relazioni e nel raggiungere i risultati, affinché non vivano più in modo conflittuale, frustrante e inappagato ma possano costruire autentiche relazioni di fiducia, garantendo continuità all'Azienda e per le Persone al proprio progetto di vita. Imprese memorabili: Sono figlia di un ex prete; cresciuta a stretto contatto con ragazzi diversamente abili e borderline. Sopravvissuta alle scarpe da punta per la danza classica. Sono madre di un figlio. Allenata dalla vita ad essere resiliente. Il mio mantra: "La vita come un viaggio che esprime chi scegli di essere. Diventa anche tu "e-motion", una forma di contagio positivo!" In un mondo dove "fa notizia" solo la vulnerabilità, la sfida è ricordare che essa ci appartiene come compagna del coraggio e che esiste un mondo di persone che ogni giorno danno valore positivo all'esistenza, alle relazioni, al loro fare quotidiano nonostante le difficoltà! Questo è il vero scoop!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top