1_#Be "e-motion": un contagio positivo!

Nancy Perin > Blog Nancy Perin > 1_#Be "e-motion": un contagio positivo! > Vacanze in Abruzzo? Perchè alloggiare a Vittorito?

Vacanze in Abruzzo? Perchè alloggiare a Vittorito?

Lug 14, 2010 Nancy 6 1_#Be "e-motion": un contagio positivo! , ,

Ancora ricordo quando giocavamo a nascondino, da ragazzine, per le viuzze intorno a Via Ricasso. C’erano sempre nuovi rifugi da scoprire, porte di cantine socchiuse, piccole gallerie, vicoletti creati dallo stretto abbraccio di vecchie costruzioni che ti davano l’impressione di percorrere un labirinto… Durante il periodo della vendemmia, sempre lì, c’era Valentino, un anziano del paese, che ci chiamava ad assaggiare il mosto nella sua cantina, preso con il mestolo di rame, direttamente dalla buca che si sporgeva in un angolo della stessa…mentre fuori, attaccata al gancio, Rosina, il suo asino, ragliava di tanto in tanto…che ricordi…

Vittorito è il paese dove ho trascorso la mia infanzia, che scelgo sempre per ritemprarmi. Antico borgo della Valle Peligna, si trova tra Raiano (AQ) e Popoli (PE), a 12 km da Sulmona (AQ), quest’ultima nota per i suoi confetti! Ad un’altitudine di 377 m., il suo clima d’estate è secco e arieggiato. Facilmente raggiungibile dalle autostrade A24/A25, provenendo da Roma l’uscita più comoda è: Pratola Peligna/Sulmona; provenendo da Pescara l’uscita più comoda è: Bussi/Popoli. Ad appena un’ora e mezza da Roma, 40 minuti dal mare di Pescara,  e ad un’ora da Pescasseroli, cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, e dall’Aquila, capoluogo di Regione. E’ una vera oasi di pace e tranquillità.

Dal paese puoi godere della splendida vista sulla Valle Peligna, dove la campagna attraversata dal fiume Aterno è ancora coltivata. Il verde della natura intatta ti circonda e, soprattutto, ti raggiunge il silenzio. Nel silenzio riesci a udire lo scorrere del fiume, il canto diurno delle cicale, mentre la sera i grilli ti ricordano di alzare lo sguardo al cielo incontaminato e di osservare le stelle.

Posti talmente belli, che sono stati scelti per girare alcune scene di film famosi, come ad esempio: “The American” con George Clooney, ambientato proprio sulle rive del fiume; e “San Francesco” con Mickey Rourke, ambientato presso le “gole di San Venanzio”, riserva naturale regionale, con il suo Eremo di San Venanzio che fa da ponte alla base dei versanti delle due montagne, che si avvicinano nella gola, creando un paesaggio ricco d’anfratti rocciosi.

Vittorito si sviluppa lungo il pendio del Monte Castellano (657 m.), così la notte di San Lorenzo prendiamo le coperte e saliamo “in pineta”, per stenderci nello spiazzo che c’è in cima e osservare nel buio silenzioso il passaggio delle stelle cadenti! Salendovi di giorno, invece, un po’ più in su, arrivi al Belvedere, la cima più alta del monte, da dove si può godere di un panorama suggestivo che abbraccia: le “gole di Popoli”, dove si trova l’Oasi del WWFSorgenti del fiume Pescara”; l’impervia montagna del Morrone, dove si può scorgere l’Eremo di Celestino V; fino alla stupenda  Valle di Pettorano sul Gizio.

Il 9 luglio c’è stata la serata di presentazione del succo di mangostano e per ospitare gli amici da Roma, ho avuto l’opportunità di ritornare in Via Ricasso. Ho provato gioia nel vedere come l’amore per il paese e la volontà di continuare a valorizzarlo, nonostante la ferita del terremoto, abbiano spinto Barbara a sistemare alcune vecchie abitazioni, in quei vicoletti labirintici, nel suo Bed & Breakfast pronto ad accogliere i propri ospiti! E ripensando ai miei giochi fanciulleschi in quei luoghi, non è un caso il nome: Il Minotauro.

Il recupero degli aspetti architettonici originali, il calore del legno, dei mattoncini, degli spazi arredati con mobili del tempo…lo rendono una vera coccola!

Scegliere di alloggiare a Vittorito,  nel B&B il Minotauro, significa decidere di posizionarsi nel cuore dell’Abruzzo e rilassarsi nella sua quiete; ma anche sistemarsi in modo strategico per visitare tutta la regione, dalla costa all’interno! L’ospitalità è quella del cuore,  quello di Barbara, e puoi leggerne le testimonianze, in un piccolo paese rinomato per la produzione di vino e olio, in cui vi sono anche due maneggi e il Museo del Vino Pietrantonj.

Diventa anche tu “e-motion“, una forma di contagio positivo:

  • condividi questo post su FacebookTwitter, Linkedin con  un click qui sotto!
  • lascia un commento alla fine del post!

Nancy

Sono Nancy Perin una coach specializzata in tematiche aziendali, quali gestione delle relazioni, comunicazione, conflitti. Esperta di tecniche di rilassamento e body work. Aiuto le Imprese di Famiglia e le Persone a creare armonia nelle relazioni e nel raggiungere i risultati, affinché non vivano più in modo conflittuale, frustrante e inappagato ma possano costruire autentiche relazioni di fiducia, garantendo continuità all'Azienda e per le Persone al proprio progetto di vita. Imprese memorabili: Sono figlia di un ex prete; cresciuta a stretto contatto con ragazzi diversamente abili e borderline. Sopravvissuta alle scarpe da punta per la danza classica. Sono madre di un figlio. Allenata dalla vita ad essere resiliente. Il mio mantra: "La vita come un viaggio che esprime chi scegli di essere. Diventa anche tu "e-motion", una forma di contagio positivo!" In un mondo dove "fa notizia" solo la vulnerabilità, la sfida è ricordare che essa ci appartiene come compagna del coraggio e che esiste un mondo di persone che ogni giorno danno valore positivo all'esistenza, alle relazioni, al loro fare quotidiano nonostante le difficoltà! Questo è il vero scoop!

Commenti (1)
  1. Domenico Di Giambattista     | Rispondi

    Io ci sono nato e vissuto sino a 14 anni so benissimo il paesino, posti meravigliosi,ottimo vino,cibo eccezzionale,persone magnifiche………..All Beautiful all around.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top