3_Ben-Essere Lab

Nancy Perin > Blog Nancy Perin > 3_Ben-Essere Lab > L’ospite arriva quando l’ospite non c’è…l’alchimia della trasformazione

L’ospite arriva quando l’ospite non c’è…l’alchimia della trasformazione

Mag 5, 2010 Nancy 0 3_Ben-Essere Lab , , ,

E’ tarda serata. Decido di restare seduta sul mio divano ancora un po’, mio figlio dorme nella sua camera. Ascolto mentre tutto è acquietato intorno a me.

Hai mai fatto l’esperienza di trovarti all’una di notte ad uscire da casa di amici, sei completamente solo, e fuori è tutto imbiancato, mentre nevica ancora, e l’unico suono che senti nel silenzio ovattato è il fruscìo della neve che cade? Quando ho vissuto questa esperienza, la sensazione che ho avuto è stata di espansione, non so descriverla in modo diverso.

Da allora, questo spazio è quello in cui mi sento bene, perchè può essere pieno e anche vuoto. Lo spazio silenzioso è quello della trasformazione. Quello in cui l’ospite arriva perchè l’ospite non c’è. Quello in cui nasce una nuova chiarezza. Se ogni giorno proietti le stesse immagini nella tua mente, la tua realtà rimarrà ogni giorno la stessa. La realtà che vivi è un’immagine riflessa delle tue aspettative. Prova a fare un semplice esercizio. Avrai sicuramente in casa una stanza che conosci nei minimi particolari, la posizione dei mobili, i quadri appesi, gli oggetti nella stanza, ecc… Bene. Ora entra nella stanza con la luce spenta, percorrila descrivendomi gli oggetti intorno a te, senza toccare nulla, come se fossi lì con te, anzi io sono lì con te. Sono sicura che mi dirai, se hai pensato al tuo studio, la posizione della scrivania, della lampada, della sedia, della libreria…Sarai capace di descrivermi ogni dettaglio, facendo attenzione a non inciampare. Ora io accendo la luce e tu vedi che in realtà la stanza è vuota! Prima che tu vi entrassi io l’ho svuotata! Questo non te l’ho detto… E quindi?

Ebbene tutto quello che hai descritto, in realtà, era l’aspettativa di ciò che il tuo studio contiene, non quello che c’era effettivamente, perchè l’ho tolto io. L’aspettativa è potente. Anche senza luce, hai visto quello che ti aspettavi e hai reagito di conseguenza. Ti sei mosso con circospezione dove temevi d’inciampare in qualcosa?

Noi ci muoviamo in base a ciò che ci aspettiamo di vedere, toccare, udire; ogni esperienza si fonda sulla continuità che noi alimentiamo, sulla ricerca della coerenza cognitiva. A questo si lega anche il concetto della profezia che si autoavvera. Ma se impariamo ad entrare in quello spazio silenzioso dove non c’è aspettativa, dove l’ignoto è il biglietto per la libertà. Dove c’è quella parte di noi che osserva coincidenze inattese, improvvise soddisfazioni di desideri, momenti di gioia imprevedibile, un senso di profonda fiducia, una sensazione di profonda sapienza…tutte queste forme di realtà ci fanno evadere da ciò che è noto per muoverci verso l’ascolto di questo magnetico sussurro. A te la scelta. Ed è nella saggezza del proprio cuore che si trova la risposta: se rimanere nel proprio spazio di comfort, di ciò che è noto, o seguire la scoperta di ciò che è imprevisto e nuovo, rinnovando continuamente la propria esistenza.

 

Diventa anche tu “e-motion“, una forma di contagio positivo:

  • condividi questo post su FacebookTwitter, Linkedin con  un click qui sotto!
  • lascia un commento alla fine del post!

 

Nancy

Sono Nancy Perin una coach specializzata in tematiche aziendali, quali gestione delle relazioni, comunicazione, conflitti. Esperta di tecniche di rilassamento e body work. Aiuto le Imprese di Famiglia e le Persone a creare armonia nelle relazioni e nel raggiungere i risultati, affinché non vivano più in modo conflittuale, frustrante e inappagato ma possano costruire autentiche relazioni di fiducia, garantendo continuità all'Azienda e per le Persone al proprio progetto di vita. Imprese memorabili: Sono figlia di un ex prete; cresciuta a stretto contatto con ragazzi diversamente abili e borderline. Sopravvissuta alle scarpe da punta per la danza classica. Sono madre di un figlio. Allenata dalla vita ad essere resiliente. Il mio mantra: "La vita come un viaggio che esprime chi scegli di essere. Diventa anche tu "e-motion", una forma di contagio positivo!" In un mondo dove "fa notizia" solo la vulnerabilità, la sfida è ricordare che essa ci appartiene come compagna del coraggio e che esiste un mondo di persone che ogni giorno danno valore positivo all'esistenza, alle relazioni, al loro fare quotidiano nonostante le difficoltà! Questo è il vero scoop!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top