3_Ben-Essere Lab

Nancy Perin > Blog Nancy Perin > 3_Ben-Essere Lab > Il corpo astrale e il terzo chakra: l’affermazione di sé…

Il corpo astrale e il terzo chakra: l’affermazione di sé…

Giu 20, 2010 Nancy 1 3_Ben-Essere Lab , , , , , , ,

Il nostro terzo corpo è quello astrale ed è connesso al terzo chakra, manipura o città dei gioielli. Anche il corpo astrale possiede due dimensioni: il dubbio e il pensiero. Quando vengono trasformati, il dubbio diventa shradda, fiducia, e il pensiero vivek, consapevolezza. Se il dubbio viene represso non raggiungerà mai la fiducia, perchè i dubbi – anche se repressi- resteranno dentro di lui; si diffonderanno come un cancro, divorando la sua vitalità. Le fedi vengono inculcate per paura dello scetticismo. Dovremo comprendere la qualità del dubbio, viverlo e andarci in profondità. Allora, un giorno, arriveremo a un punto in cui incominceremo ad avere dubbi sul dubbio stesso. Quando inizieremo a dubitare del dubbio stesso, inizierà la fiducia. Non possiamo raggiungere la chiarezza della consapevolezza senza attraversare il processo del pensiero. Chi smette di pensare sprofonda nell’ignoranza e nella fede cieca; questa non è chiarezza. Il potere della consapevolezza si raggiunge solo dopo aver attraversato i processi più sottili del pensiero. Cosa si intende per consapevolezza? Nei pensieri è sempre presente il dubbio. Il processo stesso del pensare è sempre indeciso; ecco perchè coloro che pensano molto non arrivano mai a una conclusione. Solo quando escono dalla ruota dei pensieri possono decidere: la decisione arriva da uno stato di chiarezza, situato al di là dei pensieri. I pensieri non hanno alcun rapporto con la decisione. Sia per chi pensa tanto, sia per chi vive una vita non dominata dai pensieri, esiste un pericolo: coloro che non pensano vanno dritti per la loro strada e non hanno dentro di sé un processo di pensiero che scateni il dubbio; dunque, i dogmatici e i fanatici del mondo sono persone attive ed energiche; per loro il dubbio è fuori questione! Un uomo di pensiero, al contrario, non farà che pensare senza prendere una decisione.

Se chiudiamo le nostre porte per paura del pensiero, ci resterà solo una fede cieca. Questo è un pericolo enorme sul cammino di chi medita. Sono infatti necessari un’ampia prospettiva di consapevolezza e pensieri limpidi, risolutivi, che permettano di prendere decisioni. Questo è il significato di vivek: chiarezza percettiva, consapevolezza; in questo caso, il potere del pensiero è completo. Ciò significa aver attraversato il processo del pensiero in modo così minuzioso che ogni dubbio si è chiarito. Allora resta solo la pura decisione, nella sua essenza. Quando il dubbio viene trasformato, il risultato è la fiducia. Dunque la fiducia è lo sviluppo estremo e puro del dubbio, rappresenta il suo limite ultimo; là dove questo si dissolve perchè comincia a dubitare perfino di se stesso, a quel punto affiora la fiducia. (Osho, La Natura dell’Invisibile, NSC, 2005, pp.14-16)

Il terzo chakra è situato tra l’ombelico e il plesso solare, è il centro del sé. Il suo compito più importante è quello di affinare gli impulsi e i desideri primordiali, trasformandoli in strutture energetiche più elevate. Tramite il manipura percepiamo le vibrazioni delle altre persone e reagiamo di conseguenza. Manipura è il centro del risveglio stabile. In esso vi è l’amore per se stessi, la fiducia, la volontà di vivere, la determinazione.

Diventa anche tu “e-motion“, una forma di contagio positivo:

  • condividi questo post su FacebookTwitter, Linkedin con  un click qui sotto!
  • lascia un commento alla fine del post!

Nancy

Sono Nancy Perin una coach specializzata in tematiche aziendali, quali gestione delle relazioni, comunicazione, conflitti. Esperta di tecniche di rilassamento e body work. Aiuto le Imprese di Famiglia e le Persone a creare armonia nelle relazioni e nel raggiungere i risultati, affinché non vivano più in modo conflittuale, frustrante e inappagato ma possano costruire autentiche relazioni di fiducia, garantendo continuità all'Azienda e per le Persone al proprio progetto di vita. Imprese memorabili: Sono figlia di un ex prete; cresciuta a stretto contatto con ragazzi diversamente abili e borderline. Sopravvissuta alle scarpe da punta per la danza classica. Sono madre di un figlio. Allenata dalla vita ad essere resiliente. Il mio mantra: "La vita come un viaggio che esprime chi scegli di essere. Diventa anche tu "e-motion", una forma di contagio positivo!" In un mondo dove "fa notizia" solo la vulnerabilità, la sfida è ricordare che essa ci appartiene come compagna del coraggio e che esiste un mondo di persone che ogni giorno danno valore positivo all'esistenza, alle relazioni, al loro fare quotidiano nonostante le difficoltà! Questo è il vero scoop!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top